Viaggiare in aereo in carrozzina: un percorso a ostacoli (ma c’è chi dice NO)

Fonte: www.disabili.com 9/12/19 La travel blogger Giulia Lamarca: “Ad oggi viaggiare per una persona con disabilità è un casino, richiede forza di volontà, motivazione e determinazione

Siamo una civiltà in grado di volare, andare sulla Luna, esplorare pianeti, fare passeggiate sullo spazio, eppure ancora oggi viaggiare in aereo per una persona in sedia a rotelle è spesso più complicato di una missione spaziale. Lo sanno bene i turisti con disabilità che spesso ci segnalano disservizi dovuti a svariati motivi: dalle carenze sul fronte assistenza in aeroporto o in aereo, alla perdita della carrozzina, alle lungaggini per prenotare un volo o salire a bordo, alle difficoltà di trasportare ausili necessari.

LA DENUNCIA DI GIULIA
Stante questa situazione, si è fatta portavoce di una campagna di sensibilizzazione Giulia Lamarca, travel blogger e attivista in carrozzina (abbiamo parlato di lei qui). Ventisettenne, psicologa, Giulia viaggia da sempre e il suo amore per la scoperta di nuove terre e nuove culture è cresciuta ancora di più in seguito all’incidente che le ha cambiato la vita ormai diversi anni fa. Nonostante la paraplegia incompleta a causa della quale usa la carrozzina, Giulia ha visitato i cinque continenti e ha purtroppo avuto modo di sperimentare numerose vicissitudini dovute al suo essere una viaggiatrice con disabilità: per questo ha deciso di portare alla luce le difficoltà che incontra ancora dopo 8 anni di spostamenti in aereo.

giulia lamarca fiume

VIAGGIARE CON UNA DISABILITÀ
Io credo nei viaggi, per me i viaggi sono la mia libertà, il mio esprimermi come persona. Ad oggi viaggiare per una persona con disabilità è un casino, richiede forza di volontà, motivazione e determinazione. È cosi che Giulia inizia il suo discorso su IGTV (qui il video completo). Parla di sé ma è come se parlasse per chiunque si sia trovato nella sua stessa situazione.
Una sorta di rito che si ripete frequentemente, quasi ad ogni viaggio: cerca di organizzare nei minimi dettagli la vacanza per evitare spiacevoli e fastidiosi inconvenienti ma si ritrova sempre a dover fronteggiare la violazione dei suoi diritti o a ricevere trattamenti superficiali.

I DISSERVIZI
La poca attenzione alla sua carrozzina è un esempio. Racconta Giulia: considerata un bagaglio speciale, molto spesso la sedia a rotelle è caricata in stiva senza alcuna cura, andando incontro a possibili danni che non solo limiterebbero la sua vacanza, ma la impedirebbero del tutto. È lei stessa ad affermarlo quando si vede costretta a sottolineare al personale di servizio il costo dell’ausilio e l’importanza fondamentale che questo ha per lei. Deve puntare sulla seccatura del risarcimento che le compagnie aeree si vedranno costrette ad affrontare.
Ma viaggiare in carrozzina non è solo questo: può essere anche dover accettare a pratiche umilianti. Lo racconta sempre Giulia: un episodio nel quale ha dovuto praticarsi un autocateterismo in un angolo dell’aereo perchè i bagni non sono accessibili per lei in quota. Tuttavia, non è questo che sembrava preoccupare gli assistenti di volo: ciò che li allarmava era che gli altri passeggeri potessero rimanere sconcertati della pratica, che la possibile nudità di Giulia potesse in qualche modo turbarli.

LE LEGGI NON SONO SUFFICIENTI
Giulia stessa ricorda che il problema non sono tanto le norme, i regolamenti e le convenzioni a tutela del diritto a viaggiare per le persone con disabilità, che pure non mancano: è  la loro reale applicazione a rendere complesso il viaggio di una persona con disabilità. Che sia personale aeroportuale o di bordo poco formato, che siano intere compagnie aeree che non rispettano le esigenze dei viaggiatori con disabilità non fa  differenza, afferma Giulia: i passeggeri con disabilità spesso non sono trattati come persone, anzi, sono percepiti come un problema. L’individuo passa in secondo piano ed emerge la sua condizione di disabilità. Un disagio da risolvere, e anche in fretta, secondo Giulia.

PROPOSTA DI STANDARD QUALITATIVI
Per migliorare lo stato delle cose, a seguito delle sue disavventure, Giulia si propone di offrire la sua esperienza di persona con disabilità e viaggiatrice per migliorare le pratiche di assistenza ai viaggiatori con disabilità motorie e sensoriali, interpellando e collaborando con le compagnie aeree, stilando degli standard che ogni aeroporto e ogni compagnia aerea dovrà soddisfare anche in seguito a formazioni specializzate per il personale a terra e per l’equipaggio a bordo, arrivando a migliorare l’intera esperienza del viaggio in aereo. Ogni processo, infatti, è strettamente collegato ad un altro e ognuno di questi ha criticità che vanno appianate: dall’acquisto del biglietto fino all’uscita dell’aeroporto di destinazione, passano per l’assistenza a terra e quella in volo.
Per spingere questo progetto, Giulia ha lanciato la petizione online #dirittoalvolo rivolgendosi in particolare alle due principali gruppi di compagnie aeree, Sky Team e Star Alliance, che fanno volare milioni di persone ogni anno, per progettare insieme delle best practices davvero inclusive pensate per tutti i passeggeri con esigenze speciali e non.
Lo scopo della petizione è trovare una soluzione per garantire a tutti i il diritto di viaggiare.
Chi volesse sostenere il progetto di Giulia, può firmare la petizione online su Change.org

Potrebbe interessarti anche:

Città e capitali accessibili

Negato l’imbarco aereo a due ragazze disabili, ma l’aeroporto rigetta l’accusa di discriminazione