SONDAGGIO ONLINE – IMPATTO COVID-19 SULLE PERSONE CON DISABILITA’ INTELLETTIVE E DISTURBI DEL NEUROSVILUPPO E I LORO CAREGIVER

Condividiamo l’iniziativa a carattere internazionale, promossa dal Centro per gli studi sulla disabilità dell’University College di Dublino, attraverso il gruppo di ricerca IASSID, volta a comprendere l’impatto che la situazione emergenziale da Covid-19 ha avuto sulle persone con disabilità intellettive e del neurosviluppo, di ogni età, e sui loro caregiver, siano essi familiari oppure operatori retribuiti.

Si tratta, nello specifico, di un sondaggio compilabile in forma completamente anonima da parte di coloro che hanno compiuto 18 anni e sono:

  • Un familiare di persona con disabilità intellettiva e disturbi del neurosviluppo;
  • Un operatore retribuito che si prende cura, a vario titolo, di una persona  più persone con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo.

Il questionario richiede un tempo di compilazione di circa 25 minuti e sarà possibile completarlo entro il 20 settembre 2020. Per poter accedere alla versione in lingua italiana basterà cliccare QUI.

I risultati di questo rilevante studio verranno pubblicati sul sito di IASSID al seguente link: https://www.iassidd.org/comparative-policy/ .

Data l’importanza dell’iniziativa, chiediamo la Vs preziosa collaborazione per far sì che il questionario giunga alle famiglie Anffas, che con la loro partecipazione potranno garantire l’acquisizione di importanti informazioni.

Legge 104, nuova guida dell’Agenzia delle Entrate alle agevolazioni per le persone con disabilità

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la nuova guida sulle agevolazioni fiscali della legge 104 aggiornata ad agosto 2020. Il documento riepiloga i requisiti per l’accesso alle detrazioni fiscali per le spese sanitarie, i figli a carico, per l’eliminazione delle barriere architettoniche e per gli incentivi all’acquisto di automobili.

Guida_alle_agevolazioni_fiscali_per_le_persone_con_disabilità (1)

Lotteria Anffas onlus di Varese 2020 – Estrazione 12 novembre –

 

“L’anno horribilis” che stiamo attraversando non ci impedisce di portare avanti l’unico vero sostegno alla nostra attività: la LOTTERIA che costituisce la principale fonte di sostentamento per l’Associazione. Grazie ad essa il nostro obiettivo di rafforzarci sempre più per continuare a stare al fianco delle famiglie e delle persone con disabilità, si concretizza.

Con l’aiuto e la sensibilità di aziende, negozi e privati siamo riusciti a mettere in palio, anche quest’anno, bellissimi premi.

Visto l’alto gradimento, sono confermati tra i primi premi tre buoni spesa (€ 1200, € 1000 e € 600) dei supermercati COOP  Lombardia, a seguire numerosi bei premi sono a disposizione.

Contiamo ora sulla collaborazione di tutti per vendere tutti i biglietti! Coinvolgere il più persone possibile (a distanza e con mascherina) è importante oltre che per contribuire alla vendita anche per conoscere e venire in contatto con la nostra realtà.

 L’estrazione è fissata per giovedì 12 novembre 2020 presso la sede di Via Crispi 4.  I biglietti sono disponibili e possono essere richiesti in ogni momento a Donatella allo 0332/326574 – 340/6458488.

Le matrici dovranno essere riconsegnate entro venerdì 6 novembre 2020 direttamente alla Sede di Anffas Varese oppure presso i Centri di Fondazione Renato Piatti onlus.

TENTIAMO LA FORTUNA A FIN DI BENE! 

Allarme lavoratori “fragili”: senza tutele e retribuzione

10/9/2020 Fonte comunicato stampa Fish* – La scorsa settimana (4 settembre) è stata emanata una circolare congiunta fra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e il Ministero della Salute.

La circolare è utile perché fornisce importanti chiarimenti riguardo alla individuazione e gestione dei cosiddetti “lavoratori fragili” in relazione all’emergenza sanitaria per l’epidemia Covid-19.

Con quel documento è più chiaro e uniforme il comportamento che i medici competenti e le aziende devono attuare per una più stretta sorveglianza sanitaria a tutela dei lavoratori con quadri clinici di particolare rischio (immunodepressione, esiti da patologie oncologiche, particolari affezioni…).

Il medico può valutare la sussistenza di un rischio per la salute del lavoratore nello specifico contesto e quindi adottare due diverse indicazioni. La prima è l’idoneità con prescrizioni, quali ad esempio lo smart working o il lavoro in presenza di particolari protezioni. L’azienda o l’amministrazione devono attuare queste prescrizioni e se dimostratamente non sono in grado di rispettarle il lavoratore deve essere messo “a riposo”.

Ma il medico competente può anche stabilire una inidoneità temporanea fino al termine dell’emergenza Covid-19. Anche in questo caso il lavoratore viene messo “a riposo”.

Purtroppo non è evidente a tutti i lavoratori, alle aziende e forse nemmeno al Parlamento che nel caso in cui sia uninidoneità temporanea e il lavoratore sia messo a riposo non c’è nessuna forma di protezione né di retribuzione. Quel lavoratore per tutto il periodo di assenza non viene retribuito.” Così dettaglia il presidente della FISH Vincenzo Falabella per far comprendere quale sia la drammaticità della situazione.

Al Senato si sta discutendo la conversione del decreto ‘agosto’, decreto legge 104/2020. È il momento opportuno per trovare una soluzione che integri in qualche modo il reddito di quelle persone che verrebbero estromesse dal mondo del lavoro a causa della loro condizione di salute. Nel decreto ‘cura Italia’ (decreto legge 18, articolo 26) la soluzione, pur carica di bizantinismi, c’era. Era infatti prevista la possibilità di equiparare quelle assenze per quei lavoratori al ricovero ospedaliero. Questa opportunità è cessata il 31 luglio scorso e non è stata rinnovata.”

E termina Falabella con un appello che non può rimanere inascoltato: “Trovi il Parlamento la soluzione e il MEF la copertura finanziaria per una situazione che altrimenti potrebbe diventare davvero esplosiva in termini di emergenza sociale.”

*Cui Anffas aderisce

JobLab: ancora riconoscimenti e nuovi prodotti

9/9/2020 Fonte comunicato stampa FISH* – JobLab, il progetto della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap (FISH) dedicato all’inclusione lavorativa e all’occupabilità, si è concluso il 19 giugno scorso con l’evento JobLabDay ma continua a raccogliere apprezzamenti e a rilasciare contenuti e prodotti.

È della scorsa settimana la notizia dell’importante riconoscimento ottenuto dal cortometraggio realizzato appunto per JobLab, prodotto da FISH con la regia di Ari Takahashi e intitolato “O L T R E — oltre il pregiudizio / oltre la disabilità” (https://youtu.be/2mp7OZGOgd4).

Il corto è stato insignito, all’Accolade Global Film Competition (apprezzato festival californiano), di ben due premi al merito con menzione speciale, nella categoria “Disability Issues” e in quella “Best Concept”.

Ma JobLab ha raccolto anche storie di vita e di lavoro di persone con disabilità e, fra l’altro, ne ha anche realizzato video di accattivanti recitati a cura di Defrag_/Agenzia E.Net. Due storie/recitati sono state presentate già durante il JobLabDay, con l’intento di riservare le altre ai mesi successivi.

Ed è appunto oggi che JobLab lancia la terza storia (che non è l’ultima) e il relativo recitato. La redazione di JobLab tiene particolarmente a questa storia perché riguarda il percorso di inclusione lavorativa, con successi e fatiche, di una persona con disabilità intellettiva.

Si tratta di un recitato e quindi la sfida aveva un certo significato: chi recita non è il protagonista della storia, ma un attore o un’attrice.

E allora per “La storia di Chiara” (https://youtu.be/wZHEd3FDr9c) l’attrice è una ragazza con sindrome di Down, Ludovica Boccacini, romana appassionata e praticante di recitazione, una passione che trasuda evidente dal video assieme ad una tecnica indubbiamente frutto di lavoro e impegno.

L’elaborazione video e regia anche in questo caso sono di Enzo Berardi di Defrag_.

Tutti i dettagli sul Progetto JobLab all’indirizzo https://www.fishonlus.it/progetti/joblab/

*A cui Anffas aderisce