Disabilita’, la Convenzione in Italia compie 10 anni: tradotta in CAA

Fonte www.vita.it – È del 3 marzo 2009 la legge di ratifica della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, entrata in vigore il 15 marzo. Dopo 10 anni, cosa è cambiato? Quanto quell’approccio così diverso, basato sui diritti e non sull’assistenza, è diventato realtà? Cosa manca ancora? Per Roberto Speziale la chiave è «la partecipazione».

Il 2019 segna il decimo anniversario della ratifica da parte dell’Italia della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità (CRPD) con legge con legge n. 18 del 3 marzo 2009 (in GU n. 61 del 14 marzo 2009) e la firma del Protocollo Opzionale. È fondamentale ricordare la firma del Protocollo opzionale in quanto tale atto è la dimostrazione del vero impegno assunto dal nostro Paese nel dare attuazione alla Convenzione e le responsabilità connesse. Dieci anni dalla ratifica: tante attese, pochi successi. Continue reading

“Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 28 gennaio 2019” – MEMORIA ANFFAS ONLUS

Fonte www.anffas.net 05-03-2019

Memoria ANFFAS ONLUS per le Commissioni riunite XI (Lavoro pubblico e privato) e XII (Affari sociali) della Camera dei deputati su d.d.l. n. 1637, “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4 recante disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni”.

Anffas Onlus (Associazione Nazionale Famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale), nel ringraziare per l’opportunità di produrre la presente memoria, intende sottoporre alcune osservazioni e proposte di emendamenti per il disegno di legge in esame, sulla scorta dell’esperienza ultrasessantennale maturata in tema di disabilità e politiche sociali ed in rappresentanza delle oltre 30.000 persone con disabilità e loro famiglie che quotidianamente si interfacciano che le realtà Anffas presenti su tutto il territorio nazionale.

Entrando direttamente nel merito, Anffas mette in evidenza i seguenti punti:Dalla lettura del decreto legge si rileva in maniera chiara ed inequivocabile che le persone con disabilità ed i loro nuclei familiari saranno fortemente penalizzate per l’accesso e per l’entità al Reddito di Cittadinanza. Continue reading

28 marzo 2019. Anffas Open Day, porte aperte per l’inclusione sociale

Fonte www.anffas.net 05-03-2019

PROMUOVIAMO IL DIRITTO DI DECIDERE!

Tutte le strutture associative – circa 1000 in tutta Italia – in cui Anffas da 61 anni si prende cura e carico di oltre 30.000 persone con disabilità e dei loro familiari, il prossimo 28 marzo con la formula “Open Day” organizzeranno, con il protagonismo diretto delle persone con disabilità, convegni, spettacoli e tante altre iniziative volte a diffondere la cultura dell’inclusione sociale, delle pari opportunità, della non discriminazione e del diritto di decidere.

Ad accogliere la cittadinanza ci saranno le persone con disabilità, i loro genitori e familiari, gli associati Anffas, gli operatori, i volontari e tutti coloro che, a vario titolo, operano in Anffas e collaborano con essa, con l’obiettivo primario di diffondere la cultura della disabilità basata sui diritti umani e portando la collettività a contatto con una realtà che è molto distante da quella stereotipata che stigmatizza le persone con disabilità intellettiva e/o relazionale e che le vede, sbagliando, solo come pesi.

Con Anffas Open Day, infatti, Anffas Tutta vuole ancora una volta contrastare cliché, pregiudizi e discriminazioni che purtroppo continuano a circondare le persone con disabilità, in particolare con disabilità intellettive e del neurosviluppo, coinvolgendo la collettività nella costruzione di una società pienamente inclusiva e basata anche sul concetto e sulla cultura dell’autorappresentanza.

Con rinnovato entusiasmo e determinazione, quindi, Anffas Tutta si prepara al 28 marzo 2019 per “aprire le porte all’inclusione sociale” e rendere evidente che, con i giusti sostegni le persone con disabilità possono raggiungere grandi traguardi, spesso ritenuti impossibili e possono prendere le decisioni che le riguardano. Traguardi raggiunti anche grazie ad un costante e prezioso lavoro quotidiano realizzato nelle strutture associative Anffas, che mettendo al centro le persone con disabilità, le vedono sempre più impegnate in prima persona, su temi quali la cittadinanza attiva, il linguaggio facile da leggere, l’autonomia, l’autodeterminazione, l’autorappresentanza e il diritto di decidere. Tanti quindi gli obiettivi raggiunti ma tante le cose ancora da fare!

Anffas invita quindi tutti i cittadini a partecipare a questa grande festa, a conoscere l’Associazione, le famiglie e gli amici che la compongono e le tante attività e iniziative che ogni giorno vengono realizzate per promuovere un futuro in cui nessuno sia più discriminato a causa della disabilità e in cui vengano garantiti a tutti pari opportunità e piena inclusione sociale!

Scarica la LOCANDINA

Di seguito è possibile leggere tutte le iniziative previste dalle Associazioni sul territorio suddivise per regione (la pagina è in costante aggiornamento).

http://www.anffas.net/it/news/7265/28-marzo-2019-anffas-open-day-porte-aperte-per-linclusione-sociale/

Importante riconoscimento di Anffas per il suo impegno nella tutela dei diritti umani delle persone con disabilità e dei loro familiari

Fonte www.anffas.net 05-03-2019

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha conferito un ulteriore importante riconoscimento dell’impegno di Anffas nella promozione dei diritti umani delle persone con disabilità e dei loro familiari attraverso il conferimento del titolo di “Cavaliere della Repubblica” al Presidente Nazionale Anffas, Roberto Speziale.

Il presidente della Repubblica, visto lo statuto dell’Ordine “Al merito della Repubblica Italiana” ed avvalendosi della facoltà prevista dall’articolo n.2 con decreto in data 19 Dicembre 2018, ha concesso l’Onoreficenza di Cavaliere al Presidente Nazionale Anffas Roberto Speziale. Tale documento è stato controfirmato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Anffas nei suoi 61 anni di attività, grazie all’impegno, alla passione ed al sacrificio dei tanti genitori, familiari e persone con disabilità che la compongono è divenuta, non solo per le persone con disabilità e per loro famiglie ma per la collettività tutta, un punto di riferimento importante su tematiche fondamentali per la tutela e la promozione dei diritti umani e l’inclusione di tutti i cittadini, a partire da quelli maggiormente discriminati.

“È quindi con grande emozione che ricevo questa onoreficienza a nome di tutte le famiglie e persone con disabilità della rete Anffas e non solo, con la promessa di continuare a lavorare con entusiasmo e tenacia nella speranza di vedere i diritti delle persone con disabilità pienamente attuati” – Roberto Speziale