CINEFORUM “CI SONO ANCH’IO” tre film per discutere insieme su disabilità – autismo – consapevolezza – autodeterminazione – famiglia – amore – VITA! + concorso DI CORTOMETRAGGI “INCLUSIONE IN CORTO – LA SCUOLA E’ DI TUTTI”

Abbiamo il piacere di invitarvi a partecipare all’iniziativa:

Cineforum “CI SONO ANCH’IO” tre film per discutere insieme su disabilità – autismo – consapevolezza – autodeterminazione – famiglia – amore – VITA! – serate Cineforum a ingresso gratuito – e premiazione del concorso per la realizzazione di cortometraggi rivolto alle scuole “INCLUSIONE IN CORTO – LA SCUOLA E’ DI TUTTI”

 

APPUNTAMENTI DA NON PERDERE:

  • sabato 4 maggio alle ore 21.00 presso il Cinema Parrocchiale di Induno Olona proiezione film “Don’t worry”;
  • sabato 11 maggio alle ore 21.00 presso il Teatro di Cassano Valcuvia proiezione film “Quanto basta”;
  • martedì 14 maggio alle ore 21.00 presso il Cinema Castellani ad Azzate proiezione film “Non ci resta che vincere”;
  • sabato 18 maggio alle ore 20.30 presso il Cinema Comunale Garden a Gavirate, serata premiazione dei cortometraggi, seguirà la proiezione del film “DAFNE”.

Un questionario, in Lombardia, sui bisogni delle persone con para e tetraplegia

Fonte: www.superando.it del 19 aprile 2019

Il Coordinamento Regionale Lombardo per la realizzazione delle Unità Spinali sta raccogliendo una serie di informazioni sui tempi di attesa, quando c’è la necessità di una visita o di un ricovero, oltreché sui bisogni sociali e sanitari delle persone con paraplegia e con tetraplegia. È per questo, dunque, che l’AUS Niguarda (Associazione Unità Spinale), componente del Comitato, promuove un semplice questionario, i cui risultati consentiranno di avere un quadro ampio delle criticità presenti in questo settore nel Sistema Sanitario della Lombardia.

Già dalla fine del 2017 l’AUS Niguarda di Milano(Associazione Unità Spinale) fa parte del Coordinamento Regionale Lombardo per la realizzazione delle Unità Spinali, organismo costituito sulla base delle criticità evidenziate dalle persone con paraplegia e tetraplegia che non riescono a trovare adeguate risposte di carattere sanitario nei luoghi deputati.
Nella fase attuale, il Coordinamento stesso intende raccogliere una serie di informazioni sui tempi di attesa, quando c’è una necessità di visita o di ricovero, oltreché sui bisogni sociali e sanitari delle persone con paraplegia e con tetraplegia.

È per questo, dunque, che l’AUS Niguarda ha elaborato un semplice questionario, compilabile in pochi minuti, i cui risultati consentiranno di avere un quadro ampio delle criticità presenti nel Sistema Sanitario Regionale in questo settore e di presentare successivamente le risultanze direttamente all’Assessorato al Welfare (Sanità) della Regione Lombardia.

Servizi agli alunni con disabilità: intesa sul riparto del Fondo

Fonte: www.superando.it del 18 Aprile 2019

Intesa raggiunta, tra Stato e Regioni, per il riparto del “Fondo per l’autonomia e la comunicazione per gli alunni con disabilità fisica o sensoriale”, accordo che anticipa ampiamente l’inizio del prossimo anno scolastico, per consentire alle Regioni di attivare per tempo i servizi per gli alunni con disabilità, evitando i ritardi sin troppo spesso registrati negli anni scorsi. Si parla, segnatamente, di trasporto degli alunni con disabilità, di assistenza all’autonomia e alla comunicazione, di consulenza tiflologica e della distribuzione di specifico materiale didattico e testi scolastici

Come comunica una nota diffusa dal Ministero per la Famiglia e le Disabilità, è stata raggiunta l’intesa tra Stato e Regioni, in Conferenza Unificata, per il riparto del “Fondo per l’autonomia e la comunicazione per gli alunni con disabilità fisica o sensoriale”, potenziato nell’ultima Legge di Bilancio da 75 a 100 milioni di euro per tre anni (300 milioni complessivi).
L’accordo anticipa ampiamente l’inizio del prossimo anno scolastico, per consentire alle Regioni di attivare per tempo – tramite quelle risorse -, i servizi per gli alunni con disabilità, per cercare di evitare i ritardi sin troppo spesso registrati negli anni precedenti.
Si parla, va ricordato, di trasporto degli alunni con disabilità dal domicilio alla scuola e viceversa, di assistenza all’autonomia e alla comunicazione e di consulenza tiflologica, oltreché della distribuzione di specifico materiale didattico e testi scolastici.

 

“Easy Rider”: una nuova modalità di visita a Gardaland

Fonte: www.superando.it del 19 Aprile 2019

Anche quest’anno è attivo, presso il noto Parco Divertimenti Gardaland di Castelnuovo del Garda (Verona), il servizio “Easy Rider”, curato dal Progetto Yeah!, ramo aziendale della Cooperativa Sociale Quid. L’obiettivo è sempre quello di garantire il divertimento all’interno del Parco anche alle persone con limitazioni visive, con ridotta mobilità, con disturbi dello spettro autistico o con sindrome di Down. «Una nuova modalità di visita al Parco», lo definiscono i promotori, per aiutare i gruppi composti anche da persone con disabilità, a organizzare meglio la loro giornata a Gardaland. Continue reading

Ancora cure inadeguate per le persone con disabilità intellettive

Fonte: www.superando.it del 19 Aprile 2019

C’è una crescente consapevolezza sui diritti delle persone con disabilità intellettive e tuttavia milioni di loro in tutto il mondo continuano a soffrire in modo sproporzionato a causa della mancanza di accesso a cure sanitarie di qualità: è quanto emerso con chiarezza in occasione di un Forum promosso ad Abu Dhabi da Special Olympics, il movimento internazionale dello sport praticato da persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, qualche giorno prima dei recenti Giochi Mondiali Estivi dello stesso movimento Special Olympics.

C’è una crescente consapevolezza sui diritti delle persone con disabilità intellettive e tuttavia milioni di loro in tutto il mondo continuano a soffrire in modo sproporzionato a causa della mancanza di accesso a cure sanitarie di qualità: è quanto emerso con chiarezza in occasione dello Special Olympics Global Inclusive Health Forum (“Forum Special Olympics sulla salute globale inclusiva”, tenutosi ad Abu Dhabi qualche giorno prima dei recenti Giochi Mondiali Estivi di Special Olympics, il movimento internazionale dello sport praticato da persone con disabilità intellettiva e/o relazionale. Un evento, quest’ultimo, del quale anche il nostro giornale si è ampiamente occupato. Continue reading