AUTISMO : 1° ciclo di seminari a tema specifico

Papà e mamma sono i primi educatori del proprio bimbo e hanno lʼimportante funzione di tramite tra il mondo e il bambino che cresce. Inoltre rappresentano la base sicura per poter vivere, crescere e apprendere.

Questo è il ruolo del genitore del bambino con autismo così come del genitore di qualsiasi bimbo, ma alcune caratteristiche del bambino con autismo possono rendere questo ruolo più impegnativo.

Anffas onlus di Varese promuove e Fondazione Renato Piatti attraverso Il Centro per le famiglie di Varese – Punto Famiglie Autismo propone a genitori e famigliari dei bimbi con disturbi dello spettro autistico 3 cicli di seminari con lo scopo di dare una prima informazione e conoscenza rispetto ai temi emergenti dai bisogni e dalle domande degli stessi genitori.

Il primo incontro si terrà martedì 9 ottobre dalle ore 09.30 alle ore 11.30 presso l’Auditorium Fondazione Piatti in via Crispi 4 – Varese.

per iscriversi telefonare allo 0332/326578 – 346/9669346 o scrivere a sai@fondazionepiatti.it – info@anffasvarese.it

scarica qui il programma 

 

“Parliamo di adolescenza – 4 momenti a carattere formativo-esperienziale, per affrontare e condividere con altri genitori questa delicata fase di crescita”

Anffas onlus di Varese promuove un ciclo di incontri dal titolo Parliamo di adolescenza – 4 momenti a carattere formativo-esperienziale, per affrontare e condividere con altri genitori questa delicata fase di crescita” organizzati da Fondazione Renato Piatti onlui attraverso il Centro per le Famiglie.

 

Mercoledì 24 ottobre 2018 Adolescenza e consapevolezza del limite: quando il confronto coi pari fa nascere sentimenti di inadeguatezza, frustrazione e depressione.

 

Mercoledì 7 novembre 2018 Il cambiamento puberale: impulsi socialmente non accettati, che fatica stare in mezzo agli altri, repressione degli impulsi e aggressività, il senso di vergogna e l’isolamento.

 

Mercoledì 21 novembre 2018

 

L’intimità di mio figlio: come approcciarla insieme a lui, cosa fare e cosa no? come lo proteggo e lo sostengo, affinché la sua ingenuità non sia un rischio per lui/lei.

 

Mercoledì 5 dicembre 2018 Dubbi e domande in sospeso, riordiniamo le idee.

 

 Gli incontri si terranno presso CRS di Fondazioni Piatti in Via Pergolesi a BESOZZO alle ORE 20.45

saranno condotti dalla Dr.ssa Germana Gallio psicologa e psicoterapeuta

con la presenza di Alessandro Demolli educatore e Nicoletta Cuccirelli assistente sociale del SAI?

Potete confermare la vostra partecipazione direttamente al CRS oppure al SAI? telefonando allo  0332/326578 346/9669346 o scrivendo sai@fondazionepiatti.it  info@anffasverese.it

scarica qui la locandina 

 

 

6/11/2018 Giornata di Studi “Longevità, salute e Qualità di Vita: nuove pratiche per la presa in carico socio-sanitaria delle persone con disabilità intellettiva in Lombardia”

Martedì 6 novembre 2018, dalle 14:00 alle 18:00, nell’Aula Magna – Università degli Studi dell’Insubria (Via Dunant, 3- Varese) si terrà la giornata di studi intitolata Longevità, salute e qualità di vita: nuove pratiche per “la presa in carico” socio-sanitaria delle persone con disabilità intellettiva in Lombardia.

 

 Il Centro Studi e Formazione di Fondazione Piatti-Anffas Varese, in collaborazione con l’Università degli Studi dell’Insubria di Varese, organizza una giornata di studi sul tema della disabilità intellettiva nella terza età e sul ruolo dei servizi soco-sanitari nella presa in carico di questa “nuova” fascia di popolazione rispetto alle patologie tipiche della terza età.

Di fatto questa fascia di popolazione fino a qualche anno fa aveva un’aspettativa di vita molto inferiore all’attuale, mentre oggi incorre nelle patologie tipiche dell’invecchiamento

Tra i relatori saranno presenti il Prof. Marco Trabucchi (Presidente Associazione Italiana di Psicogeriatria), il Dott. Luc Pieter De Vreese ( D.M. Centro Geriatrico Fondazione Luigi Boni, Suzzara (MN); Consulente Scientifico Progetto DAD, Anffas Trentino Onlus) e Tiziano Gomiero (Coordinatore del progetto di ricerca DAD – Down Alzheimer Dementia – di ANFFAS Trentino, membro del consiglio direttivo Alzheimer Trento e della Società italiana di Psicologia dell’Invecchiamento).

A conclusione della giornata è prevista una tavola rotonda con alcuni enti e istituzioni interessate.

La giornata di studi è aperta a operatori sanitari e sociali, studenti, familiari, referenti istituzionali che a vario titolo si occupano di presa in carico delle persone con disabilità intellettiva.

Sono stati richiesti crediti ECM (formazione continua in medicina) e crediti CNOAS per assistenti sociali.

La partecipazione è gratuita fino ad esaurimento posti. E’ possibile iscriversi a questo link: http://fondazionepiatti.it/iscrizione-giornata-studi-2018/

Ecco la brochure con il programma completo e la locandina dell’iniziativa.

Per maggiori informazioni: centrostudiformazione@fondazionepiatti.it

 

Dote sport 2018, come presentare la domanda

I genitori di bambini e ragazzi con disabilità hanno tempo fino al 31 ottobre per presentare la domanda per richiedere la “Dote sport 2018” finanziata da Regione Lombardia. Il bando (che mette a disposizione un totale di 2 milioni di euro) è rivolto a tutti i bambini e ragazzi, ma ha destinato specificatamente il 10% del totale del finanziamento alla pratica delle attività sportive paralimpiche per bambini e ragazzi (dai 6 ai 17 anni compiuti o da compiere entro il 31 dicembre 2018) con disabilità.

La “Dote sport” è rivolta ai nuclei familiari residenti in Lombardia e che si trovano in condizioni economi che sfavorevoli. Per accedere al beneficio è necessario che almeno uno dei due genitori (o tutore/genitore affidatario sia residente in modo continuativo da almeno due anni in Lombardia. Inoltre nel caso delle famiglie in cui è presente un minore con disabilità è richiesto un Isee non superiore a 30mila euro. Continue reading

Bed & care la startup dell’accessibilità

Da vita.it – 30 luglio 2018

La piattaforma è il primo sistema di viaggio che permette a chi si prende cura quotidianamente di un familiare con bisogni speciali di prendersi una vacanza senza separarsi dalla persona assistita.

Ogni anno in Italia ci sono oltre 3 milioni di donne che rinunciano al diritto ad una vacanza per assistere un loro familiare con dei bisogni speciali. «Ce ne sono, invece, alcune», dice Pier Fabrizio Salberini co-fondare insieme a Serena Stefanoni di Bed & Care – Accessibility booster, «che scelgono di affidare a noi la responsabilità di organizzare la loro vacanza in compagnia della persona assistita». Continue reading